Smart Cabrio Brabus Tailor

Ti sembra davvero di salire su una fuoriserie quando entri nella Smart Cabrio Brabus Tailor Made. In questa configurazione special cambia completamente volto la nota city car, esaltata da un allestimento con colori personalizzati, nel nostro caso il coffee lounge con un’accattivante rivestimento del cruscotto e dei comodi sedili in pelle nappa colore brown, con tanto di finitura “sartoriale”, cuciture a vista e marchio inciso nel poggiatesta, che fa tutt’uno con la seduta, in un avvolgente insieme ergonomico studiato nel dettaglio. Davvero una “chicca” con solo 250 esamplari in circolazione.

 “Fatta per la città e ideale per l’estate” si legge nella brochure di presentazione della Casa. E senza dubbio le caratteristiche migliori sono proprio quelle che si assaporano viaggiando con la capote aperta, soprattutto davanti ad un bel panorama. E fortunatamente la nostra Brianza ne offre davvero tanti, dai colli ai laghi, fino a toccare i monti delle Prealpi.

La base è quella di una Smart Fortwo, nella vettura in prova dotata di un motore benzina 3 cilindri 898 cc turbo da 90 cv con cambio automatico doppia frizione Twinamic 6 marce, ad innesti rapidi e precisi, e dispositivo automatico start/stop. La trazione, come sempre, è posteriore. Nel pacchetto sportivo Brabus figurano una serie di accessori che rendono il tutto più dinamico, a partire dal volante multifunzione a tre razze in pelle nappa con cucitura decorativa e paddle per le cambiate manuali. Nella consolle centrale anche il pomello delle leve del cambio e del freno a mano sono in pelle, mentre in basso brilla la pedaliera sportiva in acciaio spazzolato con inserti in gomma antisdrucciolo.

 Lo spoiler anteriore è in tinta con i bodypanel, così come la grembialatura posteriore con inserto diffusore posteriore in matt grey. I cerchi sono, ovviamente, in lega con disegno sportivo in vertice matt grey (la nostra vettura in prova aveva i 16” e 17” con gomme Continental Eco Conctat anteriori 185/50 R16 e posteriori 205/40/ R17. A migliorare la tenuta di strada l’assetto Brabus ribassato di 10 mm. Coinvolgente la verniciatura bicolore.

La consolle è dotata di tutti i necessari collegamenti multimedia attraverso lo Smart Media-System a partire dal Bluetooth con kit vivavoce, dalla chiavetta Usb, e dal navigatore Tom Tom Live services con comodi comandi touch screen. Si possono avere come accessori anche la radio digitale Dab e il JBL sound system a 5 canali con subwoofer estraibile nel bagagliaio. I fari sono a led sia sull’anteriore (con regolazione dell’altezza) sia sul posteriore. Le luci interne gradevolmente soffuse “ambient” con illuminazione indiretta di porte, vani, piedi, i vari box portaoggetti e la consolle centrale. La retromarcia è assistita con una telecamera.

Smart Cabrio Brabus Tailor Made apertaVisto che stiamo parlando di una cabrio, è il caso di soffermarci sulla capote tritop ad azionamento elettrico in bel tessuto tailor made, con lunotto in vetro e rivestimento interno in grigio. L’apertura è semplice e possono facilmente sparire anche i due montanti laterali che trovano alloggio in un vano sagomato predisposto all’interno del portello del bagagliaio. Proprio quest’ultimo rimane l’unica nota negativa tenuto conto che lo spazio per il carico è quello tipico di una city car, dove al massimo si possono caricare quattro borse della spesa o un paio di trolley da viaggio. Ma ci sta quando si parla di Smart.

La cellula di sicurezza tridion, realizzata in acciaio ad alta resistenza, è garantita ulteriormente da tutti i più moderni sistemi di assistenza che possono essere implementati con una serie di equipaggiamenti a richiesta come la funzione di avvertimento della distanza e il sistema di antisbandamento con segnalazione ottica e acustica. ESP e ABS non mancano per controllare stabilità ed evitare il blocco della frenata. C’è anche il sistema antisbandamento e di assistenza in presenza di vento laterale e l’ausilio della partenza in salita. Insomma, nel suo piccolo, non manca proprio nulla.

La velocità di punta arriva fino a oltre 150  km/h (la Casa la da a 155) e il consumo medio combinato -nella nostra prova – intorno ai 6,7 l/100 km su varie strade, spesso anche con qualche arrampicata sui colli briantei.

Il costo della Smart Cabrio Brabus Tailor Made, con gli accessori descritti, arriva di listino intorno ai 27mila euro, ma la cabrio entry level, con il motore da 71 cv, dimezza letteralmente il prezzo della sorella maggiore. Sono sostanzialmente quattro i sistemi di finanziamento all’acquisto con tassi agevolati, rate costanti e volendo maxi rata finale che permettono di entrare facilmente nel mondo Smart. Ovviamente, un occhio di riguardo viene riservato dalla concessionaria di zona Venus Mercedes ai lettori di BrianzaPiù.

Fotoservizio di Carlo Gaeta

Per info  http://www.venus-spa.it/it/home/

Mercedes GLC Coupé

Un amore che pian piano esplode quello per la Mercedes GLC Coupé, tanto che quando siamo scesi dalla vettura, al termine della lunga e articolata prova su vari percorsi, abbiamo sentito una sorta di nostalgia del volante stellato.

GLC Coupé prova 2

La massiccia e “autorevole” calandra con la stella a tre punte Mercedes della GLC Coupé

Questo SUV, massiccio nella forma ma slanciato e con una sua precisa identità stradale, racchiude al meglio la sintesi della moderna tecnologia Mercedes, esprimendo le performance e le comodità tipiche della Casa di Stoccarda. Particolare la linea con l’andamento ad arco del tetto e il lunotto molto inclinato, che però compromette un poco la visibilità posteriore che comunque nelle manovre di parcheggio viene agevolata dalla telecamera posteriore di serie che emerge all’occorrenza dalla stella a tre punte al centro del portellone. Massiccio e aggressivo il muso.

Nonostante il design filante che tende al basso, l’abitabilità non è penalizzata e il bagagliaio è ampio seppur non alto, ma con un doppio fondo dove possono entrare oggetti vari di più piccole dimensioni rimanendo bloccati nello spazio. L’abitacolo è curato in ogni dettaglio con evidente ergonomicità e chiara lettura degli strumenti. Comodi i sedili in ecopelle (di serie anche per la “base”) che sembra in tutto e per tutto naturale. Per la schiena è consigliabile l’adattatore lombare regolabile. Prima di mettersi al volante però vale la pena consultare bene le istruzioni per l’uso perchè le cose da memorizzare sono tante con vari tasti, leve e manopole che garantiscono numerosi e utili service di bordo visibili dallo schermo centrale.

GLC Coupé prova 4

Strumentazione ricca, design ed ergonomia spiccano nella consolle di guida della GLC Coupé

Le sensazioni più belle si provano alla guida, su qualsiasi percorso, da uello autostradale agli sterrati, dai rettilinei alle curve. La GLC Coupé in prova era esattamente il modello 220 Diesel 4Matic Sport con 170 cv, dotata dell’ottimo il cambio automatico a nove marce 9G-Tronic leva ed “orecchie” al volante per la guida manuale, sempre preciso, rapido nell’innesto e senza alcun sussulto, con l’ultimo rapporto molto lungo riduce i consumi e la rumorosità in autostrada alle andature previste dal CdS. Tra gli optional consigliabili l’Intelligent Light System con i fari a tecnica LED, in grado di garantire una luce notturna brillante con grande profondità di campo, e soprattutto l’utilissimo pacchetto sicurezza (costo circa 2000 euro) che prevede il sistema anticollisione con controllo della distanza, allarme e frenata automatica, il rilevatore di stanchezza del guidatore, l’allineamento in corsia, lo specchietto retrovisore con segnalazione dell’angolo morto, il rilevamento di un’eventuale tamponamento posteriore con l’accensione automatica delle quattro frecce e l’irrigidimento delle cinture di sicurezza e schiacciamento al sedile per limitare il colpo di frusta, chiamata automatica dei soccorsi in caso di incidente grave, cofano attivo che si solleva per alleviare le conseguenze di un investimento. Insomma, viaggiamo quasi in una “botte di ferro”.

GLC Coupé prova 3Rispetto al Suv GLC “classico”, la versione Coupé è stata migliorata nello sterzo (più diretto del 7%), nell’altezza inferiore (di 4 cm) e nell’assetto sportivo che, con l’optional delle sospensioni adattive pneumatiche, si apprezza soprattutto nei cambi di direzione sui tornanti. Superati i 110 km/h la vettura si abbassa migliorando l’aerodinamica e quindi anche i consumi. A proposito dei quali diciamo che, tenuto conto delle quattro ruote motrici sempre inserite e del peso della vettura, sono sicuramente degni di nota: abbiamo percorso 1220 km su un tracciato misto urbano ed extraurbano, a varie andature, con esattamente 124 euro di gasolio pari ad un consumo medio di 13,5 km per litro, con andatura autostradale ad oltre i 15 km/l.

GLC Coupé prova 5

Nel bagagliaio lo spazio non manca, anche se l’altezza è un po’ penalizzata dall’accattivante design della vettura. Un doppio fondo aiuta per gli oggetti e i pacchi di più piccole dimensioni

Se proprio vogliamo trovare un difetto, oltre alla limitata visibilità posteriore, la GLC Coupè 220 D 4Matic provata meritava certamente un po’ di potenza in più, non a caso la scelta della clientela si è già orientata sul modello 250 con motore biturbo da 204 cv che certamente ha un rapporto prezzo/prestazioni più favorevole.

Per scegliere il modello con le varie motorizzazione e gli optional basta mettersi al configuratore per scoprire che, comunque, senza esagerare con le dotazioni extra, siamo intorno ai 60mila euro di spesa. Per le modalità di pagamento, le opzioni sono varie ed interessanti. A questo punto entra in scena la concessionaria che con le numerose proposte finanziarie Mercedes è in grado di esprimere la soluzione ideale per chi vuole mettersi al volante della Stella.

c.g.

Mercedes C 220 SW

Per la famiglia in viaggio ci starebbe proprio bene una bella vettura station. Così, complice la concessionaria Venus Mercedes di Monza, ci siamo messi al volante di una dinamica C 220 station wagon BlueTEC automatic sport, dotata di motore diesel 2143 cc da 170 cv (125 Kw ), certamente il propulsore migliore per il rapporto peso/potenza, con tanto di cambio automatico 7G Tronic plus, innesto a leva dietro il volante (al posto della leva dei tergi, evidentemente per lasciare più spazio nella consolle centrale) anche con i paddle (le orecchiette dietro le razze per intenderci) per cambiate rapide manuali, in particolare nelle situazioni di sorpasso e quando necessita il freno motore.

Bella la linea del frontale dove, ovviamente, spicca la stella Mercedes

Della Mercedes C 220 SW balzano subito all’occhio l’accattivante design e il grande spazio a disposizione nei 4,702 metri di lunghezza e 1,810 di larghezza. Capiente il bagagliaio nella bella codona sportiva, con i suoi 1510 litri di stivaggio complessivo, 490 dietro i sedili posteriori frazionabili in tre soluzioni, con rapporto 40:20:40.

Il nostro percorso si è snodato per complessivi 710 km attraverso le strade della Brianza e non solo, anche sull’autostrada per saggiare un mezzo sicuramente performante, comodo, silenzioso e soprattutto risparmioso. Nel misto, dalla pianura fino ai saliscendi sui Colli Briantei toccando Colle Brianza, la media è stata complessivamente di 5,8 litri/100km; tradotto in soldoni, più di 17 km con un litro di gasolio. Niente male per la stazza delle vettura, pur diminuita di peso (-65kg) nella più recente versione. Anche per questo il serbatoio non è grandissimo, pur assicurando un’autonomia nell’ordine di 800 km e quando aprite il vano per fare il rifornimento trovate la “sorpresa” di un secondo bocchettone azzurro più piccolo del sistema SCR per l’abbattimento dei famigerati NOx, gli ossidi di azoto, come prevede la più rigida normativa Euro 6.

Mercedes C 220 SW volante e consolle centrale

Grande qualità e linee di design perfette per il cruscotto con il volante sportivo a tre razze e la consolle centrale della Classe C. In basso a destra si nota l’utilissimo command controller

Interessanti sono i cinque programmi di marcia del pacchetto agility proposto da Mercedes (comandabile con una semplice tasto switch) con cui ogni guidatore può trovarsi completamente a suo agio, divertendosi alla guida e risparmiando carburante soprattutto nelle situazioni di traffico. Con il semplice selettore, posto a portata di mano destra, la Mercedes C 220 SW offre al driver la rapida scelta tra la modalità standard Comfort (quella più usata con buona progressività del motore) e le più dinamiche Sport, Sport+ ed Individual (settaggio personalizzato), cui si aggiunge l’opzione ECO per una guida risparmiosa a basso impatto ambientale, certamente meno brillante e più autostradale, per rispettare i limiti.

La consolle centrale della Classe C con il monotor 7"

Particolare della consolle centrale della Classe C con il monotor 7″ e le bocchette che assicurano un’ottima climatizzazione

Non vanno dimenticati i tanti “assistenti alla guida” che Mercedes mette a disposizione come: il cruise control adattivo, con limitatore di velocità che accelera e frena automaticamente; l’attention assist che, sulla base di una incredibile serie di parametri sperimentati dalla casa tedesca, tiene conto del livello di attenzione di chi è al volante per evitare il famigerato colpo di sonno; il sensore di controllo della corsia che si attiva con piccole correzioni al volante e al freno per tornare sulla carreggiata in caso di deriva; il Distronic Plus di assistenza allo sterzo e lo Stop&Go Pilot che aiuta a mantenere la distanza, anche nelle situazioni di traffico e nel controllo delle dinamiche laterali, nelle curve lievi, e che include la funzione di assistenza alla guida in coda.

Sul modello base della Classe C si possono trovare numerosi accessori come lo schermo centrale da 7 pollici e il volante in pelle. La C 220 SW automatic sport provata era dotata di sedili in pelle, sistema di navigazione con audio 20 a 6 casse di serie, clima bizona automatico e park assist in grado di parcheggiare autonomamente. Il computer di bordo è in grado di fornire tantissimi dati, soprattutto riferiti all’utilizzo eco della vettura.

Grande spazio nel bagagliaio della Classe C familiare

Grande spazio nel bagagliaio della Classe C familiare

Efficace la multimedialità. Non mancano le prese USB, micro SD, la connessione Bluetooth, con il vivavoce per il cellulare e anche per la musica, e il lettore CD. Nella consolle centrale spicca un command controller con rotella e touch dal quale si gestiscono tutta la multimedialità del mezzo e anche le varie impostazioni della vettura.

La Mercedes Classe C Station Wagon è disponibile in una dozzina di motorizzazioni tra benzina e diesel, con un interessante ibrido e quattro allestimenti (Executive, Sport, Exclusive e Premium) oltre alla versione business specifica per le flotte, con prezzi a partire da 37.372 euro più iva.

Il modello provato sulle strade della Brianza viaggiava intorno ai 47mila euro, iva compresa. Se pensiamo alla qualità Mercedes e al modello, non si tratta di una cifra folle. In ogni caso alla Venus, oltre al nuovo, c’è anche disponibilità di usato garantito e qualche km0 con risparmi notevoli sul listino.

Testi e foto di Carlo Gaeta

Mercedes Classe E All Terrain

Mercedes Classe E All Terrain: quando sali a bordo ti sembra di entrare nell’Enterprise, tanto cara agli amanti di Star Trek. La Classe E Mercedes è una piccola astronave terrestre con una serie di comfort di bordo di livello assoluto, in grado di garantirti, prima di tutto, standard di sicurezza top e una serenità di marcia quasi totali, grazie a numerosi accessori di serie e optional che mettono il guidatore in una sorta di vera e propria botte di ferro. In particolare, l’ anti collision prevention assist con frenata parziale automatica e l’attention assist che suona in caso di colpo di sonno o di disattenzione al volante. Di serie anche il tensionatore delle cinture di sicurezza. Il navigatore ben visibile nel grande schermo unico della strumentazione ha le Live Traffic information che permettono di ricevere informazioni sulla viabilità stradale in tempo reale adattando l’itinerario del navigatore di conseguenza (validità tre anni; rinnovo a pagamento). C’è poi la chiamata di emergenza automatica Mercedes-Benz in caso di incidente (non necessita di telefono cellulare) e il modulo UMTS per l’utilizzo dei servizi base Mercedes me connect: assistenza per incidenti e guasti,monitoraggio manutenzione, telediagnosi parti soggette ad usura. Per migliorare tutto il pacchetto sicurezza, si possono aggiungere anche optional come il sistema di controllo di corsia e dell’angolo morto posteriore.

Il capiente bagagliaio della Mercedes Classe E All-Terrain

Il capiente bagagliaio della Mercedes Classe E All-Terrain

Per i lettori di Brianza Più abbiamo provato in un lungo percorso su strada statale, autostrada e anche fuoristrada, la nuova Classe E 220d 4Matic All Terrain dotata del nuovo motore diesel Mercedes 4 cilidri in linea 1950 cc da 194 cv (143 KW), cambio automatico G-Tronic a 9 marce, nella versione Business Sport. Stiamo parlando di una station wagon, con ampi spazi interni e un bagagliaio che è proprio il caso di definire “vasto”. Superiamo addirittura i 490 cm di lunghezza. Prezzo di listino: circa 65mila euro, con possibilità però di accedere ad una serie di particolari offerte della Casa stellata che permettono un finanziamento, un leasing o un noleggio senza esborsi economici esagerati, con rate a tassi controllati, validi soprattutto per chi usa il mezzo per lavoro.

La nuova calandra stellata della Classe E All-Terrain

La nuova calandra stellata della Classe E All-Terrain

La All Terrain sorprende davvero per la sua adattabilità ad ogni terreno, dall’asfalto allo sterrato (ci riserviamo una prova su neve e ghiaccio quando tornerà la stagione fredda), con un notevole comfort di marcia e soprattutto un’ottima silenziosità all’andatura di crociera autostradale. Alla media di 130 km/h si percepisce di fatto il solo rotolamento dei pneumatici (la nostra aveva cerchi da 20” con performanti gomme Pirelli P Zero) e il lieve fruscio dell’aria sugli specchietti, ridotti proprio per ragioni aerodinamiche.

La consolle centrale della Classe E con tutti i comandi a portata di mano

La consolle centrale della Classe E con tutti i comandi a portata di mano

Il guidatore, grazie al Dinamic Select, può adattare la vettura al proprio stile di guida, agendo semplicemente (meglio farlo dopo aver consultato attentamente le istruzioni) sulla rotella di setup o sul touchpad posti a portata di mano destra nella consolle centrale. In questo modo di possono variare gli assetti delle sospensioni, lo sterzo, le modalità di guida e del cambio, quindi l’erogazione del motore, intervenendo sulla centralina. Si passa dalla risparmiosa guida eco a quella sportiva e ancor più sportiva. Le possibilità sono sei: eco, comfort, sport, sport+, All Terrain. C’è poi l’opzione Individual che da modo di adattare il mezzo al nostro standard di guida. Si può variare la modalità di guida con un semplice tocco, tranquillamente durante la marcia, per togliersi qualche sfizio all’occorrenza. La risposta è sempre immediata. L’opzione All Terrain viene buona quando andiamo su uno sterrato o su una strada particolarmente sconnessa. A disposizione c’è anche un tasto che permette di sollevare la vettura di 3,5 cm non andando però oltre i 35 km/h. Di fianco troviamo il tasto per disinserire lo start&stop. La media dei consumi è stata tra i 5,4 e i 7,3 l/100 km con le varie mappature e andature. Per l’esattezza nel nostro test drive abbiamo percorso 731 km con 51 litri di carburante.

Nelle dotazioni il pacchetto comfort dei sedili anteriori che comprende la regolazione elettrica in altezza, inclinazione seduta e inclinazione schienale, supporto lombare a 4 vie elettro-pneumatico, i fari full led con l’Intelligent Light Sistem con una grande profondità di campo visivo notturno, il portellone posteriore EASY-PACK con comando elettrico di apertura e chiusura. Nel pacchetto sportivo: il doppio scarico cromato, i sedili avvolgenti riscaldabili in pelle artico ecologica e tessuto.

L'avveniristica consolle della Mercedes Classe E

L’avveniristica consolle della Mercedes Classe E con illuminazione variabile a led colorati 

Un capitolo a parte merita la consolle di questa “astronave” che di notte si illumina con una serie di led colorati il cui colore può essere variato a piacimento. Il sistema di illuminazione ambient dell’interno è davvero coinvolgente ed in grado di garantire la luce necessaria nei vari vani e anche nella parte bassa dell’abitacolo, oltre alle luci esterne sugli specchietti, utilissime quando parcheggiamo in una strada con poca luce. A proposito di parcheggio, le manovre sono assistite da sensori anteriori e posteriore e dalla panoramica telecamera posteriore, nella quale bisogna sempre fare attenzione alle linee colorate che segnalano eventuali ostacoli.

La parte posteriore con il doppio scarico cromato

La parte posteriore con il doppio scarico cromato

La climatizzazione automatica è ottima assicurata dal Thermatic con temperatura regolabile separatamente per lato, filtro antipolline/antipolvere e dispositivo di sfruttamento del calore residuo. Basta non aprire in continuazione i finestrini e il comfort interno diventa perfetto nel giro di pochi minuti.

Tanto altro ci sarebbe da dire su questa vettura, ma per scoprire tutte le caratteriste non resta che una prova su strada.

(fotoservizio a cura di Carlo Gaeta) 


Il concessionario Mercedes di riferimento per l’area Brianza è Venus con sedi a Monza,Seregno, Pioltello, Cornate d’Adda e Milano.

Per info e test drive  www.venus-spa.it 

GLA

GLA Mercedes VenusDa qualche mese la Mercedes ripropone la versione GLA con una nuova grinta, grazie soprattutto al restyling della calandra, più aggressiva nel dettaglio, ai fari full led adattivi di serie, il ridisegno dei fari posteriori per renderli più lineari con la carrozzeria del retrotreno. Siamo già alla rivisitazione di metà vita di questo fortunato crossover compatto presentato nel 2014. Non possiamo dire che si tratta propriamente di un SUV perché la vettura abbina diverse caratteristiche, da quelle del classico Sport Utility Vehicle a quelle della sportiva compatta con una linea filante.

La prima notizia utile al pubblico riguarda il rinnovo, fino al 31 ottobre prossimo, della possibilità di acquisto della vettura con un finanziamento modulabile con l’interessante tasso di interesse dello 0,90 (TAN) per 48 mesi, con una serie di servizi accessori che riguardano l’estensione della garanzia a quattro anni, l’assicurazione e la manutenzione, secondo chilometraggio previsto.

GLA Mercedes internoDiciamo subito che quando sali a bordo di una Mercedes hai sempre la sensazione di essere ben saldo a terra. Percepisci il peso della vettura e la qualità della componentistica. Ti senti avvolto e ti rendi conto di essere in una vettura in grado di trasmetterti una piacevole sensazione, in prima battuta per un fattore di ergonomia e poi per il feeling che subito hai al volante, laddove senti il mezzo solido sulla strada. Questo accade sempre, dalle vetture più piccole alle ammiraglie.

La GLA si presenta in varie versioni con un range di prezzi che varia da circa 29mila a oltre 48mila euro. Si passa dalla GLA 180 1600 cc. benzina con 122 cv fino alla 22o diesel 2143 cc da 177 cv, con differenti motorizzazioni, trazioni e cambi, nei vari allestimenti e con più o meno accessori. In prova sulle nostre strade siamo saliti questa volta sulla GLA 200d 4matic automatic, nella versione Premium con assetto sportivo leggermente ribassato. Parliamo quindi di una vettura dotata del classico motore diesel Mercedes 2143 cc, limitato a 136 cv (forse ci vorrebbe qualche cavallo in più che nella gamma del modello si trovano), con cambio automatico G-Tronic a 7 rapporti doppia frizione a controllo elettronico, quattro ruote motrici sempre inserite. Il tasto dinamic select da la possibilità di adattare la vettura al nostro stile di guida, agendo sul cambio, sullo sterzo e sull’erogazione del motore, con funzioni Eco, Comfort, Sport e Individual.

GLA Mercedes calandraIl risparmio, se non andiamo col piede pesante, è garantito. In prova abbiamo percorso 700 km tra autostrada e strade urbane con un consumo medio di 15,5 km/l. Il bagagliaio non è propriamente scarso con i suoi 421 litri estendibili su uno spazio di carico lineare, senza scalini, a 1265 (1,65 m di profondità) con lo schienale posteriore reclinato. Il piano di carico è protetto all’ingresso da un elegante profilo in acciaio e sotto c’è un utile vano per sistemare oggetti.

La dotazione di questo modello è davvero molto ricca. Abbiamo: il visibility light pack con luci soffuse ambient e luci vano piedi, soglie d’ingresso illuminate, luci di localizzazione alle porte e al portellone; poi i tergicristalli automatici, il mirror pack (con antiabbagliamento degli specchietti retrovisori), fari led autoanabbaglianti, climatizzatore bi-zona, telecamera posteriore per agevolare le manovre di parcheggio in retro, il car play in grado di collegarsi in bluetooth con lo smartphone, navigatore Garmin, radio amplificata 20w per canale con buona equalizzazione e dinamica del suono.

GLA Mercedes particolare accessoriIn più, i sistemi di assistenza alla guida, come il controllo corsia che fa vibrare il volante quando superi la riga bianca, il sistema antitamponamento (collision prevention assist) che aiuta a mantenere la distanza di sicurezza, fa accendere la spia d’allarme e contemporaneamente attiva la frenata quando ci avviciniamo troppo al mezzo che ci precede, il segnale luminoso sui retrovisori esterni che controlla i cosiddetti “punti ciechi” (nella foto a sinistra), ovvero ci segnala mezzi che arrivano da dietro (triangolino rosso) e ostacoli laterali presenti in manovra (giallo). Non manca il cruise control adattivo che, una volta impostato, mantiene la velocità di marcia. Se vogliamo completare la voce sicurezza possiamo avvalerci come accessorio del distronic plus, sistema di mantenimento della distanza integrato, che interpreta persino il nostro stato alla guida, sulla base di oltre 70 parametri, tanto che quando iniziamo a mostrare segni di stanchezza, ci segnala la necessità di fare una pausa. Se dobbiamo trovare un difetto questo sta nella visibilità posteriore.

GLA Mercedes retrotrenoLa nostra superaccessoriata versione aveva anche il pacchetto AMG, sia esterno che interno, con assetto sportivo, cerchi da 19″ multirazze, sedili in ecopelle e microfibra con regolazione lombare, di grande comodità, non solo per chi soffre un po’ di mal di schiena. Come ulteriore accessorio la vettura in prova presentava il tettuccio panoramico apribile (1190€ più iva). Il tutto a 43mila €, prezzo totale, anche se un buon trattamento si può avere in concessionaria per l’acquisto con finanziamento rateizzato, con o senza maxirata finale e con o senza usato da ritirare.

Per questo vi segnaliamo la concessionaria Mercedes di zona, la Venus con sedi a Monza, Pioltello, Seregno, Cornate d’Adda e Milano.

(a cura di Carlo Gaeta) 

4Matic

I primi freddi sono arrivati e sulle montagne ha fatto la comparsa la prima neve. Cambia il manto stradale e l’asfalto, reso viscido da pioggia e neve, va percorso con maggior attenzione ma anche con adeguati sistemi di sicurezza. Ed ecco che Mercedes propone l’ultimo arrivato della casa stellata, il nuovissimo GLC Coupé.

Il nuovo GLC Coupé riunisce la figura possente di un SUV e le forme dinamiche di un Coupé. L’assetto sportivo di serie, lo sterzo diretto, il DYNAMIC SELECT e la catena cinematica per le vetture a trazione integrale permanente 4Matic con cambio automatico a nove marce 9G-TRONIC portano il nuovo GLC Coupé ad essere un modello sportivo di spicco tra i SUV Mercedes-Benz, coniugando un comfort di marcia superiore con un’agilità marcatamente sportiva. A richiesta, sono disponibili due assetti con regolazione continua degli ammortizzatori: il nuovo DYNAMIC BODY CONTROL con sospensioni meccaniche e le sospensioni pneumatiche multicamera AIR BODY CONTROL.

Mercedes-Benz GLC 250 Coupé; Exterieur: brilliantblau; Interieur: designo Leder Nappa platinweiß/schwarz ;Kraftstoffverbrauch kombiniert: 6,9-7,3 l/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 159-170 g/km Mercedes-Benz GLC 250 Coupé; exterior: brilliant blue; interior: designo Nappa Platinum white/black; fuel consumption combined: 6.9-7.3 l/100 km; CO2 emissions combined: 159-170 g/km

Il nuovissimo Mercedes GLC Coupè verrà presentato al pubblico sabato 15 e domenica 16 ottobre

Sportività e dinamica di marcia accentuate, sicurezza elevata e moderni sistemi di assistenza alla guida rendono il nuovo GLC Coupè il punto di riferimento nel segmento. Il Suv è già disponibile a partire da 53.630 euro. Un prezzo certamente non per tutte le tasche ma comunque in linea con la categoria e le dotazioni contenute in una vettura di qualità assoluta. Siamo infatti difronte ad una vettura che emoziona al primo sguardo, con linee filanti degli esterni che catturano lo sguardo ed interni con una filosofia di design decisamente unica nel suo genere.

Nelle concessionarie Venus Mercedes di Monza e Brianza sarà possibile ammirare il GLC Coupè e contemporaneamente l’intera gamma 4Matic, emblema dell’evoluzione su quattro ruote. Dai tornanti più impervi ai sentieri di campagna, dalla giungla urbana ai terreni aridi e sconnessi, 4Matic garantisce performance inimitabili in qualsiasi condizione stradale e climatica. Perfezione in ogni manovra, precisione in ogni curva.

Mercedes 4×4 attualmente è disponibile su oltre 80 modelli di vetture stellate di tutti i segmenti. Dal fuoristrada puro alla compatta passando per berlina e monovolume, il sistema 4Matic di Mercedes è proposto in quattro varianti, tarate appositamente sulla tipologia di veicolo che andrà ad arricchire, con lo scopo di esaltarne le prestazioni e la sicurezza.

Mercedes-Benz GLC Coupé, brilliantblau ; Mercedes-Benz GLC Coupé, brilliant blue;

Il sistema 4Matic di ultima generazione arriva da una lunga tradizione Mercedes nello sviluppo della tecnologia 4×4 che inizia addirittura nel 1903. “La prima vettura a trazione integrale dell’era moderna della Stella ha debuttato nel 1979, con la prima generazione di Classe G, mentre la prima volta che questa trazione ha trovato concreta applicazione su una berlina è stato con la Classe E W124 del 1984”, sottolineano in Mercedes. Poi nel 1987 gli ingegneri e i meccanici della casa di Stoccarda hanno messo a punto il primo sistema di controllo elettronico della trazione per arrivare, dieci anni dopo al sistema 4ETS che debutta sulla prima generazione di Classe M.

Oggi il Sistema 4Matic è disponibile su Classe C, Classe E, Classe S e CLS, Classe V e tutta la gamma SUV della Stella, inclusi Classe G, GLS, GLC e GLE. Nella gamma non mancano le vetture ad alte prestazioni Mercedes-AMG che vanno a completare l’offerta delle vetture Performance 4Matic.

SEDE VENUS
20052 Monza
Viale Sicilia 98
Tel. +39 039 2830.1
Fax +39 039 2020930
monza@venus-spa.it

FILIALE DI SEREGNO
20038 Seregno
Via Strauss 38
Tel. +39 0362 327658
Fax +39 0362 327665
seregno@venus-spa.it

FILIALE DI CORNATE D’ADDA
20040 Cornate d’Adda
Via E. Berlinguer 31
Tel. +39 039 6956637
Fax +39 039 6956706
cornate@venus-spa.it

FILIALE DI PIOLTELLO
20096 Pioltello
Via G. Deledda 15
Tel. +39 02 92162393
Fax +39 02 92162295
pioltello@venus-spa.it

FILIALE DI MILANO
20126 Milano
Viale Fulvio Testi 326
Tel. +39 02 66151.1
Fax +39 02 66151.222
milano@venus-spa.it